Acquisto della cittadinanza italiana  

CHE COSA È E A CHE COSA SERVE:  

Lo “status civitatis” individua la posizione del singolo nell’ambito della collettività nazionale, certificandone l’appartenenza ad essa.
La cittadinanza viene attribuita agli individui che presentano un dato legame con un gruppo sociale e si configura, come una situazione giuridica riconosciuta a chi fa parte di uno stato ed è titolare di diritti e di obblighi.
L’acquisto della cittadinanza può avvenire per circostanze diverse, illustrate nelle schede allegate.
 
Nei registri degli atti di cittadinanza vengono iscritti:
- La prestazione del giuramento previsti dalla legge per la concessione di cittadinanza italiana
- Le dichiarazioni per l'acquisto, la conservazione, il riacquisto e la rinuncia alla cittadinanza 
 
Vengono, inoltre, trascritti:
- I decreti di concessione della cittadinanza italiana;
- Le attestazioni del sindaco o delle autorità consolari;
- I provvedimenti di riconoscimento o di diniego della cittadinanza;
- Le sentenze che accertano l’acquisto la perdita o il riacquisto della cittadinanza italiana.
 

DOVE RIVOLGERSI:  

UFFICIO STATO CIVILE

Sede distaccata, Viale Rimembranze,15

NORMATIVA:  

Legge 5 febbraio 1992, n. 91 
D.P.R. 12 ottobre 1993, n. 572 
D.P.R. 18 aprile 1994, n. 362 
Legge 15 luglio 2009, n. 94
Legge 25 Gennaio 1990, n. 8 
 

RESPONSABILE:  

Daniele Barbagallo

ALLEGATI

Versione Stampabile Versione Stampabile

  • Segnalazione Guasti
  • Carta di identità elettronica (CIE)
  • Posta Elettronica Certificata (PEC)
  • Amministrazione Trasparente
  • Albo Pretorio
  • PagoPA
  • Nido d´Infanzia comunale: