Compensazione fra tributi comunali diversi  

CHE COSA È E A CHE COSA SERVE:  

E' ammessa la compensazione dei tributi comunali.
 
Il contribuente nei termini di versamento dell'imposta, può detrarre dalla quota dovuta eventuali eccedenze di versamento del medesimo tributo degli anni precedenti, senza interessi, purchè non sia intervenuta decadenza del diritto al rimborso.
 
Nel caso in cui le somme a credito siano maggiori del dovuto tributo la differenza può essere utilizzata in compensazione nei versamenti successivi, senza ulteriori adempimenti, oppure ne può chiedere il rimborso.
 
La compensazione non è ammessa:
- nell'ipotesi di tributi riscossi mediante ruolo
- per somme derivanti da ingiunzioni di pagamento
- per somme che il soggetto passivo è tenuto a versare a seguito sentenze relative a controversie tributarie.

DOVE RIVOLGERSI:  

UFFICIO UNICO DELLE ENTRATE

Palazzo comunale, Via Cardinal Minoretti,19 - Primo piano

COSA OCCORRE FARE PER:  

Il contribuente che intenda avvalersi di questa possibilità dovrà presentare istanza  almeno 60 giorni prima delle scadenze previste per il pagamento dell'imposta.

TEMPI:  

Entro 30 giorni dal ricevimento dell´istanza

COSTI:  

Nessuno

NORMATIVA:  

Regolamento generale delle entrate comunali - art. 11 ter.

Decreto legislativo n. 241/1977

RESPONSABILE:  

Giovanna Cattaneo

ALLEGATI

Versione Stampabile Versione Stampabile

  • Segnalazione Guasti
  • Carta di identità elettronica (CIE)
  • Posta Elettronica Certificata (PEC)
  • Amministrazione Trasparente
  • Albo Pretorio
  • PagoPA
  • Nido d´Infanzia comunale: