Trattenimento, spettacolo o rappresentazione teatrale/cinematografica a carattere temporaneo  

CHE COSA È E A CHE COSA SERVE:  

Per manifestazioni temporanee si intendono quelle manifestazioni pubbliche musicali, sportive, danzanti o espositive (quali mostre, concerti, eventi di varia natura), che si svolgono in un determinato periodo, con una data di inizio e fine precise,  volte a soddisfare le necessità ricreative e culturali di chi vi assiste, destinate ad un numero indeterminato di persone nell'ambito di una attività imprenditoriale. I trattenimenti e gli spettacoli sono considerati pubblici quando vengono effettuati:
- su area pubblica (cioè su quello spazio al quale chiunque può accedere liberamente come vie, piazze, giardini, etc.);
- in luogo aperto al pubblico (cioè in un luogo ove l'accesso è possibile solo dopo aver espletato particolari formalità come per esempio previo pagamento del biglietto od esibizione di apposito invito, in sale da ballo, crossodromi, edifici storici etc.);
- in luogo esposto al pubblico (spazio privato che permette di vedere dall'esterno quanto in esso accade, per esempio un giardino privato).

DOVE RIVOLGERSI:  

UFFICIO COMMERCIO E ATTIVITÀ PRODUTTIVE

Palazzo comunale, Via Cardinal Minoretti,19 - Primo piano

COSA OCCORRE FARE PER:  

Lo svolgimento di una manifestazione temporanea di pubblico spettacolo è subordinato al rilascio di apposito provvedimento autorizzatorio comunale: la licenza di pubblica sicvurezza.

La richiesta deve pervenire telematicamente attraverso il portale www.impresainungiorno.gov.it con la presentazione della SCIA.

LA LICENZA, in base alle norme del Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza (T.U.L.P.S.), rientra nella più ampia categoria delle autorizzazioni di polizia. Le autorizzazioni di polizia sono personali e possono essere rilasciate alle persone giuridiche o alle associazioni attraverso i loro legali rappresentanti: in quest'ultimo caso soltanto ove si tratti di persone giuridiche o di associazioni aventi nel loro oggetto sociale l'esercizio di attività commerciali.

Il richiedente la licenza deve essere esente da una qualsiasi causa ostativa prevista negli artt. 11 e 92 del T.U.L.P.S. approvato con R.D. 18.06.1931 n.773.

L’atto autorizzatorio, da ritirarsi presso il Settore Attività Produttive, è soggetto a imposta di bollo; è altresì dovuta la tassa di  occupazione spazi ed aree pubbliche (TOSAP), nel caso in cui l'evento si svolga in spazi ed aree pubbliche. La pubblicità degli spettacoli è da ritenere condizione di applicabilità della normativa di pubblica sicurezza. Sono esclusi dal pagamento gli Enti Pubblici e le ONLUS (associazioni iscritte nel registro dell'Albo Regionale fino al 31/12/97 oppure quelle che hanno inviato comunicazione per iscritto al Ministero delle Finanze dal 01/01/98), limitatamente a quanto previsto dalle specifiche disposizioni comunali.
 
 
PER GLI EVENTI CHE SI SVOLGONO IN LUOGHI LA CUI CAPIENZA SARA' PARI O INFERIORE ALLE 200 PERSONE è possibile presentare l'istanza allegando una relazione a firma di tecnico abilitato attestante la rispondenza del locale/luoghi o dell’impianto alle regole tecniche stabilite con D.M. 19/8/1996.(ai sensi dell’art. 141 penultimo comma del R.D. 635/40 così come sostituito dall'art. 4 del d.P.R. n. 311 del 2001);
 
Per manifestazioni in luoghi all’aperto, quali piazze e aree urbane prive di strutture specificatamente destinate allo stazionamento del pubblico per assistere a spettacoli e manifestazioni varie, pur in presenza di palchi o pedane  e di attrezzature elettriche, comprese quelle di amplificazione sonora, purchè installate in aree non accessibili al pubblico, la manifestazione verrà autorizzata dall’ufficio a seguito dell’acquisizione di idoneità statica di cui sopra delle strutture allestite e di dichiarazione di esecuzione a regola d’arte degli impianti elettrici installati, a firma di tecnici abilitati, nonché l’approntamento e l’idoneità dei mezzi antincendio purchè prive di specifiche attrezzature per lo stazionamento del pubblico.
 
Qualora, per la tipologia dell’iniziativa, sia necessario l’intervento della Commissione Comunale di Vigilanza sui Locali di Pubblico Spettacolo, si fa presente che:
- le spese per l’intervento della stessa sono a totale carico del richiedente l’agibilità;
 
Per le manifestazioni che prevedono emissioni sonore all'istanza va allegata apposita Dichiarazione Sostitutiva dell'Atto di Notorietà in materia di inquinamento acustico utilizzando l'apposita modulistica reperibile al seguente link: 
Deroghe ai limiti di rumore per attività temporanee
 
Nel caso in cui lo spazio destinato allo svolgimento della manifestazione musicale necessiti di deroga per il superamento dei limiti di rumore previsti dalla normativa vigente, la richiesta di autorizzazione deve essere presentata almeno 30 giorni prima dell’inizio della manifestazione, corredata dalla Dichiarazione Sostitutiva dell'Atto di Notorietà in materia di inquinamento acustico. La dichiarazione verrà trasmessa al? Ufficio Tecnio Comunale  - Ufficio inquinamento acustico per il rilascio della deroga e per i controlli fonometrici.
- il pagamento delle spese, che è condizione necessaria per l’intervento della Commissione, deve essere effettuato prima dello stesso.
 
Per le manifestazioni che prevedono l’utilizzo di fuochi d’artificio dovrà essere ottenuta anche la licenza di cui all’art. 57 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza. La licenza per l’accensione di fuochi artificiali (ex art. 57 TULPS) è rilasciata dall’Autorità locale di Pubblica Sicurezza, e precisamente:
- dal Questore, autorità locale nel capoluogo di provincia;
- dal Sindaco, in veste di ufficiale di Governo, nei comuni ove non siano istituiti Commissariati di Polizia.
L’inizio di tale attività non è da comunicare al registro imprese della C.C.I.A.A.
 
NORMATIVA
 
- Legge 26 ottobre 1995 n.447 “Legge quadro sull’inquinamento acustico”
 
- D.M. 19 agosto 1996 n. 149 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo”
 
 
- Regolamento di Polizia Urbana
 
- Regolamento Comunale sul funzionamento della Commissione Tecnica Comunale sui Locali di Pubblico Spettacolo

TEMPI:  

30 giorni dalla presentazione della SCIA

COSTI:  

1 marca da bollo da € 16,00 per il rilascio della licenza di p.s.

NORMATIVA:  

Regio Decreto 18 giugno 1931 n.773 “Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza”

Regio Decreto 6 maggio 1940 n.635 “Regolamento d'esecuzione” del T.U.L.P.S.

Decreto Presidente della Repubblica 24 luglio 1977 n.616 “Attuazione della delega di cui all’art. 1 della L. 22 luglio 1975 n.382 (art.19)"

Decreto Legislativo 30 aprile 1992 n.285 “Nuovo Codice della Strada e successive modifiche ed integrazioni”

Decreto Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n.495 “Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada e successive modifiche ed integrazioni”

Legge 26 ottobre 1995 n.447

RESPONSABILE:  

Giovanna Cattaneo

ALLEGATI

Versione Stampabile Versione Stampabile

  • Segnalazione Guasti
  • Carta di identità elettronica (CIE)
  • Posta Elettronica Certificata (PEC)
  • Amministrazione Trasparente
  • Albo Pretorio
  • PagoPA
  • Piano Governo Territorio (PGT)
  • Nido d´Infanzia comunale:
  • Mensa scolastica
  • Vetrina lavoro
  • Informativa mercato elettronico
  • Calcolo ravvedimento operoso
  • Calcolo IMU-TASI
  • Suap
  • CPIA Monza e Brianza
  • Linea amica
  • Il portale della legge
  • Protezione civile
  • Brianzasenzabarriere