Dichiarazione di nascita  

CHE COSA È E A CHE COSA SERVE:  

E’ la dichiarazione che deve essere resa all’Ufficiale dello Stato Civile del Comune di residenza della madre per l’iscrizione di un neonato nei registri di nascita.

Se i genitori del bambino sono coniugati tra loro, la dichiarazione di nascita può essere fatta indifferentemente dal padre o dalla madre.

Se i genitori del bambino non sono coniugati tra loro la dichiarazione deve essere resa contemporaneamente da entrambi al fine del riconoscimento del figlio. 

La dichiarazione di nascita deve essere resa all´ufficiale di stato civile da uno dei genitori, da un procuratore speciale, ovvero dal medico o dalla ostetrica o da altra persona che ha assistito al parto, rispettando l´eventuale volontà della madre di non essere nominata entro:
 
- dieci giorni dalla nascita, presso il Comune nel cui territorio è avvenuto il parto
 
o, in alternativa 
 
- tre giorni dalla nascita, presso la direzione sanitaria dell´ospedale o della casa di cura in cui è avvenuta la nascita. La dichiarazione non può essere ricevuta dal direttore sanitario se il bambino è nato morto o se è   morto prima che sia stata resa la dichiarazione stessa. In tal caso la dichiarazione deve essere resa esclusivamente all´ufficiale dello stato civile del Comune dove è avvenuta la nascita;
 
- dieci giorni dalla nascita, nel proprio Comune di residenza. Nel caso in cui i genitori non risiedano nello stesso Comune, salvo diverso accordo tra di loro, la dichiarazione di nascita è resa nel Comune di residenza della   madre. In tali casi, ove il dichiarante non esibisca l´attestazione della avvenuta nascita, il Comune nel quale la dichiarazione è resa deve procurarsela presso il centro di nascita dove il parto è avvenuto. 
 
Se la dichiarazione è fatta dopo più di dieci giorni dalla nascita (dichiarazione tardiva), il dichiarante deve anche indicare le ragioni del ritardo. In tal caso l´ufficiale dello stato civile procede alla formazione tardiva dell´atto di nascita e ne dà segnalazione al Procuratore della Repubblica.

DOVE RIVOLGERSI:  

UFFICIO STATO CIVILE

Sede distaccata, Viale Rimembranze,15

COSA OCCORRE FARE PER:  

La dichiarazione di nascita deve essere corredata da:

- una attestazione di avvenuta nascita rilasciata dal presidio ospedaliero contenente:  generalità della madre, Comune/ospedale/casa di cura/altro luogo ove è avvenuta la nascita,  giorno e ora della nascita, sesso del bambino;

- un documento di identità del/dei dichiarante/i

Se la puerpera (mamma) non è stata assistita da personale sanitario, il dichiarante che non è neppure in grado di esibire l'attestazione di constatazione di avvenuto parto, produce una dichiarazione sostitutiva.

L'ufficiale dello stato civile che registra la nascita nel Comune di residenza dei genitori o della madre comunicherà al Comune di nascita il nominativo del nato e gli estremi dell'atto ricevuto.

TEMPI:  

L´atto di nascita è registrato contestualmente alla dichiarazione di nascita o entro 3 giorni dalla ricezione dell´atto da parte di altri enti (es. ospedale).

COSTI:  

Nessuno.

NORMATIVA:  

Art. da 28 a 41 del D.P.R. 396/2000 e succ. modifiche e integrazioni

RESPONSABILE:  

Daniele Barbagallo

ALLEGATI

Versione Stampabile Versione Stampabile

  • Segnalazione Guasti
  • Carta di identità elettronica (CIE)
  • Posta Elettronica Certificata (PEC)
  • Amministrazione Trasparente
  • Albo Pretorio
  • PagoPA
  • Piano Governo Territorio (PGT)
  • Nido d´Infanzia comunale:
  • Mensa scolastica
  • Vetrina lavoro
  • Informativa mercato elettronico
  • Calcolo ravvedimento operoso
  • Calcolo IMU-TASI
  • Suap
  • CPIA Monza e Brianza
  • Linea amica
  • Il portale della legge
  • Protezione civile
  • Brianzasenzabarriere