Tassa rifiuti (TA.RI)  

CHE COSA È E A CHE COSA SERVE:  

Tari è l'acronimo di TAssa RIfiuti, la nuova imposta comunale istituita con la legge di stabilità 2014. Essa in pratica prende il posto della vecchia Tares.

Il presupposto della Tari e' il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di locali o di aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani. Quindi la nuova tassa sui rifiuti prevede che la somma da versare al Comune sia dovuta dagli inquilini, indipendentemente se proprietari o affittuari.

Chi paga la tari

La Tari è dovuta da chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani. In caso di pluralità di possessori o di detentori, essi sono tenuti in solido all'adempimento dell'unica obbligazione tributaria.

Nel caso di locali in multiproprietà e di centri commerciali integrati, il soggetto che gestisce i servizi comuni è responsabile del versamento della Tari dovuta per i locali e le aree scoperte di uso comune e per i locali e le aree scoperte in uso esclusivo ai singoli possessori o detentori, fermi restando nei confronti di questi ultimi gli altri obblighi o diritti derivanti dal rappoto tributario riguardante i locali e le aree in uso esclusivo.

Liquidazione e versamento della Tassa

Il Comune, ai fini della riscossione spontanea del tributo, elabora annualmente, sulla base del contenuto delle dichiarazioni e degli accertamenti notificati, apposite liste di carico dei contribuenti e  liquida la tassa comprensiva del tributo provinciale, salva comunque la possibilità di successivi eventuali conguagli.

Sulla base di quanto disposto dall’art.1 comma 646 L.147/12, in sede di prima applicazione la tassa è liquidata considerando le superfici dichiarate o accertate ai fini dei precedenti prelievi sui rifiuti. A tal fine sono state automaticamente mutuate ai fini TA.RI. le posizioni TA.R.E.S. che risultavano aperte al 31/12/2013.

Il Comune per facilitare il corretto versamento della tassa  provvede a far  pervenire ai contribuenti apposito prospetto esplicativo (avviso di pagamento) allegando il modulo di versamento (modello F24)

E' obbligo del contribuente prestare la necessaria diligenza ed attivarsi in caso di mancato recapito dell’avviso di pagamento  per poter comunque seguire il versamento entro il previsto termine di scadenza.

In caso di smarrimento è possibile richiedere copia dell’avviso e del modello F24 presso il Servizio Entrate dell'Ente.

DOVE RIVOLGERSI:  

UFFICIO UNICO DELLE ENTRATE

Palazzo comunale, Via Cardinal Minoretti,19 - Primo piano

COSA OCCORRE FARE PER:  

La TA.RI., come del resto già la TA.R.S.U. e la TA.R.E.S.,  non viene applicata automaticamente sulla base dell'espletamento delle pratiche anagrafiche, ai fini dell'applicazione della tassa occorre infatti presentare apposita dichiarazione.

Occorre dichiarare:

a) l’inizio del possesso o detenzione (dichiarazione di nuova iscrizione);

b) la cessazione del possesso o detenzione, trasferimento in altro Comune (dichiarazione di cessazione);

c) la variazione della superficie e/o della destinazione d’uso, a suo tempo dichiarata (dichiarazione di variazione);

d) il cambiamento d’abitazione o trasferimento di sede dell’attività entro la città (dichiarazione di trasferimento).

La dichiarazione di inizio possesso o detenzione deve essere presentata entro il 31 gennaio dell’anno successivo a quello in cui il soggetto passivo è divenuto possessore o detentore dei locali e aree, con decorrenza dal giorno dall'effettivo  possesso o detenzione.

Le eventuali modifiche apportate a locali ed aree soggette al tributo devono essere denunciate entro il 31 gennaio dell'anno successivo a quello in cui è intervenuta la modifica.

Il contribuente è responsabile dei dati dichiarati e sottoscritti, indicati in denuncia. Le modifiche derivanti da errore nell'indicazione della metratua  che danno diritto ad una minore impiosizione hanno effetto dall'anno successivo alla presentazione dell'istanza di rettifica, a meno che il contribuente non dimostri che l'errore non è a lui attribuibile.

Dichiarazione di cessazione del possesso, occupazione o detenzione

La dichiarazione di cessazione del possesso o detenzione deve essere presentata tempestivamente al verificarsi dell'evento e deve essere adeguatamente e oggettivamente documentata.

Si considera idonea prova di cessazione:

a) se il tributo è stato assolto da altro soggetto subentrante a seguito di dichiarazione;

b) la dimostrazione dell’avvenuta cessazione delle utenze ( elettrica - gas metano, acqua potabile)  intestata allo stesso contribuente per l’immobile in questione. I locali inoltre dovranno essere privi di arredi.

c) la presenza di un subentrate a seguito dell’avvenuta locazione (con contratto registrato) del medesimo locale a soggetto diverso dal contribuente;

d) la lettera di disdetta del contratto di locazione, notificata al proprietario-locatore e copia del contratto di locazione, regolarmente registrato, oggetto di disdetta.

Presentazione delle dichiarazioni

Le dichiarazioni devono essere presentate o inviate al Servizio Entrate dell'ente  (con allegata la fotocopia del documento di identità di chi le sottoscrive) per posta, anche in busta semplice, o tramite fax o posta elettronica certificata al seguente indirizzo PEC comune.cogliate@legalmail.it.

La sottoscrizione deve essere quella dell'intestatario della tassa (per le persone fisiche) o del legale rappresentante (per ditte individuali, società, associazioni e simili).

Si precisa che restano a carico del dichiarante eventuali disguidi nella trasmissione delle dichiarazioni e/o documenti inviate tramite fax o posta elettronica non certificata.

Le dichiarazioni devono  essere effettuata utilizzando la modulistica predisposta dall’ufficio.

COSTI:  

nessuno

NORMATIVA:  

- Art. 1 comma 639 e ss della L. 147/13 e ss.mm.ii. (D.L. 16/14 convertito con modificazioni dalla Legge 68/14);

D.P.R.158/99;

D.Lgs. n. 152/2006;

Legge 296/2006 art. 1 commi 161 e successivi;

D.Lgs. nn. 471-472-473 del 1997 - relativi alla riforma del sistema sanzionatorio in materia tributaria;

- Regolamento comunale per l'applicazione della tassa

RESPONSABILE:  

Giovanna Cattaneo

ALLEGATI

Versione Stampabile Versione Stampabile

  • Segnalazione Guasti
  • Carta di identità elettronica (CIE)
  • Posta Elettronica Certificata (PEC)
  • Amministrazione Trasparente
  • Albo Pretorio
  • PagoPA
  • Piano Governo Territorio (PGT)
  • Nido d´Infanzia comunale:
  • Mensa scolastica
  • Vetrina lavoro
  • Informativa mercato elettronico
  • Calcolo ravvedimento operoso
  • Calcolo IMU-TASI
  • Suap
  • CPIA Monza e Brianza
  • Linea amica
  • Il portale della legge
  • Protezione civile
  • Brianzasenzabarriere